Exein la società italiana di cybersecurity chiude un nuovo round da 6 milioni

Exein la società italiana di cybersecurity chiude un nuovo round da 6 milioni

Cybersecurity e innovazione: Exein, società italiana che realizza sistemi open source per la sicurezza dei dispositivi IoT annuncia la chiusura di un nuovo round da 6 milioni di euro.

Exein, società romana di cybersecurity IoT, ha appena annunciato la chiusura di un round di investimento di Serie A da 6 milioni di euro. A guidare

Exein, società romana di cybersecurity IoT, ha appena annunciato la chiusura di un round di investimento di Serie A da 6 milioni di euro. A guidare l’operazione Future Industry Ventures e eCAPITAL.

In particolare, Future Industry Ventures è un fondo di investimento dedicato al futuro dell’industria; eCAPITAL Entrepreneurial Partners è invece una società indipendente tedesca di venture capital focalizzata su investimenti DeepTech early-stage.

Al round ha partecipato anche United Ventures, fondo italiano venture capital che si è specializzato in investimenti nelle tecnologie digitali. United Ventures aveva già guidato nel 2018 la prima raccolta di capitali di Exein.

Ecco nello specifico l’andamento del settore della cybersecurity in Italia e come Exein si posiziona sul mercato.

Il mercato della cybersecurity

Secondo Gartner – multinazionale che si occupa di consulenza strategica, ricerca e analisi nel campo della tecnologia dell’informazione – entro il 2022 il 70% delle organizzazioni che non sono dotate di un aggiornamento del firmware, sarà potenzialmente esposto a violazioni.

La vulnerabilità a falle di sicurezza e cyberattacchi è destinata quindi ad aumentare. In un contesto del genere, cresce l’andamento del mercato della sicurezza informatica, seppur molto lentamente, anche nel nostro Paese.

Secondo i dati diffusi dall’Osservatorio Cybersecurity & Data Protection del Politecnico di Milano, il giro di affari del settore nel 2020 ammontava a 1,37 miliardi di euro, con un aumento del 4% rispetto all’anno precedente. Stando alla ricerca, nel 2020, cloud e Big Data hanno catalizzato principalmente la spesa delle aziende in sicurezza informatica. In crescita anche la spesa destinata alla sicurezza in ambito Operational Technology (hardware e software deputati al controllo dei sistemi industriali) e in soluzioni IA, utilizzate in ambito di cybersecurity dal 47% delle aziende.

In questo contesto, Exein si è posta come proposta innovativa di un set di strumenti open-source destinati alla protezione a al monitoraggio in remoto. Una soluzione che guarda al futuro: in particolare ai 30,9 miliardi di dispositivi IoT che, secondo le previsioni, potranno essere operativi entro il 2025.

Leggi anche: Dall’Internet of Things all’Internet dei Corpi: la nuova frontiera della connettività

Il prodotto Exein

La soluzione proposta da Exein è pensata per operare dall’interno dei dispositivi: durante il funzionamento del dispositivo, il servizio di Exein opera rilevando i comportamenti malevoli.

Il sistema realizzato dalla startup viene inserito nell’hardware del dispositivo, proteggendolo dall’interno e operando direttamente a un livello più profondo del firmware. Riconoscendo le anomalie, il sistema Exein blocca le minacce esterne, senza la necessità di supporto per il cloud computing. Un approccio diverso dalle soluzioni tradizionali che, invece, puntano a ridurre gli errori di programmazione nei firmware.

Gianni Cuozzo, Ceo della società, spiega che la missione di Exein è quella di realizzare il primo ecosistema al mondo per la sicurezza per l’Internet of Things. Secondo Cuozzo, per poter realizzare un meccanismo di sicurezza informatica veramente efficace è necessario che gli sviluppatori siano dotati degli strumenti giusti. Un’opportunità che potrebbe crescere proprio grazie all’ingresso nel piano di investimenti di FIV ed eCapital con cui la società condivide la convinzione del ruolo chiave della protezione dei dati e della cybersecurity nell’industria 4.0.

Secondo Dirk Seewald, Partner di eCAPITAL, tra i maggiori investitori nell’ultimo round di finanziamento a favore della società: “Con questo nuovo approccio, Exein è cresciuta in maniera rapida e significativa, attirando un enorme interesse nella comunità degli sviluppatori”.

Leggi anche: Cosa NON fare sui social per difendersi dagli hacker (secondo un’hacker)

Nuovi fondi e nuovi progetti

Il nuovo aumento di capitale sarà usato per lo sviluppo di nuovi prodotti e  il conseguente rafforzamento del piano di crescita della società, che punta a nuovi mercati industriali all’avanguardia nelle tecnologie IoT, come per esempio il settore dell’automotive e quello medicale. Le previsioni parlano anche di un incremento del team, con l’assunzione di profili ad alta specializzazione tecnologica.

Philipp von Hagen, Managing Partner di Future Industry Ventures, afferma a tal proposito:

«Exein ha un team eccezionale e siamo rimasti colpiti dalla loro elegante soluzione per mettere in sicurezza qualsiasi dispositivo IoT. Ci sono già stati alcuni casi d’uso impressionanti in diversi settori che hanno dimostrato l’ampia applicabilità dell’approccio di Exein. Questo a sua volta conferma l’enorme potenziale che Exein ha nell’aprire la strada alla sicurezza per l’Internet of Things».

Secondo i principali investitori di questa tornata di finanziamenti, il futuro dell’industria è segnato da una maggiore connettività e dall’Internet of Things. Questo significa un ruolo sempre maggiore per la cybersicurezza che, per stare al passo con le necessità della società, ha bisogno di innovazione. Ecco perché Future Industry Ventures, e altri, hanno deciso di investire proprio su Exein.

La società

Fondata nel luglio del 2018 dal Ceo Gianni Cuozzo, Exein è la società di cybersecurity con sede a Roma, che realizza framework di sicurezza open Source per sistemi firmware IoT, SCADA, dei dispositivi di infrastrutture critiche e industriali.  Il suo obiettivo è dare risposta ai problemi di sicurezza informatica dei dispositivi smart-connessi e alle vulnerabilità del loro firmware.

In oltre due giri di finanziamento, la società è riuscita a raccogliere un totale di 8 milioni di euro. Il primo round è stato concluso a novembre del 2018, poco dopo la fondazione della stessa società, raccogliendo un capitale di 2 milioni di euro. Questa fase è stata guidata da United Ventures, società indipendente di Venture Capital che supporta imprenditori visionari nel reinventare le industrie attraverso la tecnologia.

L’ultimo round, il più consistente, invece, si concluso il 22 settembre scorso, per un valore di 6 milioni di euro.

Leggi anche: Storia del più grande attacco hacker della storia (costato 10 miliardi di dollari)

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0

Exein la società italiana di cybersecurity chiude un nuovo round da 6 milioni

di Gennaro Sannino Tempo di lettura: 4 min
0